12

Apr 2020

Animali & bambini

Aprile 12, 2018 0-3, ansia, apprendimento, avventura, bambini, bambino, cesto dei tesori, classe, cognitivo-comportamentale, colori, concentrazione, creatività, dsa, educazione, emozioni, insegnanti, lettura, libri, mandala, maria montessori, montessori, rilassamento, scuola, stress, sviluppo , , , , , , , , , , , , , , ,

Il contatto tra bambini ed animali è fondamentale, non solo in infanzia, ma anche in adolescenza.

L’interazione con un animale, qualsiasi esso sia (vedesi alla voce: cavallo, cane, criceto, gatto, coniglio ecc..) permette a bambini e ragazzi di:

strutturare il senso d’autostima ed autoefficacia
Prendersi cura di un animale, sia che lo si abbia in casa sia che si faccia volontariato in un canile o in un gattile, permette di sperimentare un senso di autoefficacia nel prendersi cura di un essere vivente. Portare a fare una passeggiata un cane obbligato alla gabbia oppure portare una scatoletta di cibo ad un gatto randagio permetterà al bambino di sentirsi utile ed aumenterà così la sua autostima.

rispettare l’altro e le sue esigenze
Interagire con un animale richiede di adeguarsi, almeno parzialmente, al suo “linguaggio”, avvicinarsi con scrupolo, farsi annusare prima di afferrarlo, concedergli il tempo per conoscerci, essere delicati e attenti. Questo è un grande esercizio di autocontrollo e rispetto dell’altro in quanto tale, che sicuramente aiuta ad adottare una corretta prospettiva di rispetto anche all’interno dell’interazione con l’altro inteso in quanto persona.

– sensazione di benessere ed ossitona
L’ossitocina è un ormone spesso descritto come “l’ormone dell’amore” per il suo ruolo fondamentale nei comportamenti che mediano i rapporti sociali, nel sollievo dallo stress e nella sensazione di benessere. Questa molecola viene rilasciata nel corpo anche grazie al contatto con gli animali. Accarezzare o anche solo guardare negli occhi un cane, un gatto o un cavallo permette infatti al bambino di aumentare i livelli di ossitona nel corpo e provare una sensazione di benessere.

Per permettere ai bambini di avere un contatto con gli animali non è necessario avere un animale domestico, è sufficiente invece svolgere volontariato in canili e gattili, visitare maneggi o parchi nei quali vi siano animali.

Per chi vivesse a Parma il canile Lilli e il vagabondo permette quelle che definisce “Adozioni a distanza”, il genitore si può recare con il bambino a svolgere volontariato presso il canile una o più volte a settimana, portando a passeggio uno dei cani che vivono all’interno della struttura.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *